Grindrella non perde la scarpetta ma qualche dato

 Quel che poteva sembrare (e sembra tutt'ora, in realtà) l'inizio di un Grindr datagate dovuto dalla condivisione di informazioni circa lo stato di salute, orientamento e preferenze sessuali e ulteriori dettagli relativi agli utenti della celebre app, ha trovato una pronta risposta con la quale la Società ha assicurato che tali informazioni non sono mai state né mai saranno vendute
Grindr has never sold, nor will we ever sell, personal user information – especially information regarding HIV status or last test date – to third parties or advertisers.
precisando che l'attività di condivisione è dovuta al miglioramento di alcune caratteristiche e ai relativi test svolti

Recently, there have been concerns raised about Grindr’s sharing of HIV status information with two companies that help us test our app and improve its functions for our users.  Apptimize and Localytics are two highly-regarded software vendors which help us improve the experience for our users. They take our users’ privacy seriously, and so do we.
ribadendo che l'utente può scegliere se inserire tali informazioni nel proprio profilo pubblico

give users the option to publish, at their discretion, their HIV status and their “Last Tested Date” to their public profile

Insomma, la privacy policy di Grindr è sufficientemente chiara sul punto:
Profile Information. We may collect Personal Data from you. For example, in the Grindr App, we may collect your photo, display name, relationship status, ethnicity, age or date of birth, geo-location data, email address, password for the Grindr Services, height, weight, social network link, “Looking For,” “About Me,” “Favorites,” “Blocks,” “Tribes” and any other information that you voluntarily add to your profile on the Grindr App or that is generated through your use of the Grindr Services. You may also have the option to provide information concerning health characteristics, such as your HIV status or Last Tested Date. Remember that if you choose to include information in your profile, and make your profile public, that information will also become public. As a result, you should carefully consider what information to include in your profile.
Transmission Of Data To Other Countries. Your Personal Data may be processed in the country in which it was collected and in other countries, including the United States, where laws regarding Personal Data may be less stringent than the laws in your country. Therefore, in some circumstances, you might be left without a legal remedy in the event of a privacy breach. By submitting your Personal Data, you agree to this transfer, storage and/or processing, including all associated risks.
in altre parole: caveat emptor, noto brocardo latino che invoca la diligenza del compratore nel totale accertamento del prodotto e delle sue qualità, il cui precipitato più noto e diffuso è la clausola "as is".


Quando però sono in gioco diritti fondamentali, uniti alla realtà complessa dei social media che è al centro di discussioni multidisciplinari, il dibattito è piuttosto articolato e non risolvibile con una mera affermazione di principio, anche perchè in un social network spesso il prodotto è l'utente stesso.

A parte una privacy policy che appare poco GDPReady, il caso di Grindr è un'occasione per riflettere sul ruolo che ha un social network e la sua gestione (anche da parte dell'utente) sul quotidano.

Commenti